RINALDO AGAZZI

arte dell

- Siete interessati alla vendita di un dipinto ad olio o un acquarello di Rinaldo Agazzi?

- Volete un realizzo immediato senza aspettare i tempi delle vendite all’Asta?

- Avete semplicemente bisogno di una stima delle vostre opere aggiornata agli attuali valori di mercato?


Contattatemi al:



3286628916
(anche foto via whatsapp)

e/o inviate una email a:

acquistodipinto@gmail.com

o utilizzate il modulo contatti del sito qui


TORNA ALL’ELENCO DEGLI ARTISTI



BIOGRAFIA

Rinaldo Agazzi nacque il 30 ottobre 1857 a Mapello (Bergamo). Fratello di Ermenegildo, si formò all’Accademia Carrara di Bergamo quando vi insegnava E. Scuri.
Nel 1879 espose alla Carrara il dipinto “Un pane in due”, con il quale ottenne il primo premio.
Più tardi frequentò l’Accademia libera di C. Maccari a Roma, dove conobbe importanti pittori veristi, per cui può essere considerato appartenente al gruppo – anche se formato da personaggi con intenti non troppo comuni – fra cui spiccavano L. Nono, G. Favretto, E. Tito, V. Irolli, F. P. Michetti, ecc. Le sue opere, tuttavia, sono influenzate dalla pittura di G. Tallone.
Nell’ultimo periodo della sua vita si dedicò soprattutto alla ritrattistica (assai apprezzato da Girolamo Bonaparte) ed a tematiche di genere con soggetti “da idillio”.
Nel 1884 espose le sue opere a Torino ed alla Permanente di  Milano.
Nel 1888 presentò a Bologna i dipinti “Il Calzolaio”, “Giornata serena” e Schiavi bianchi (una delle più importanti opere del suo periodo verista).
Partecipò, oltre che a Venezia, a molte manifestazioni internazionali tra le quali ricordiamo quelle di Barcellona, di Parigi (1889, ove ottenne una medaglia), di Londra (1904, Mostra degli acquerellisti) e di Monaco (1905 e 1909, alle Quadriennali).
Rinaldo si dedicò anche allo sviluppo di temi a sfondo sacro (chiesa parrocchiale di Brusaporto) ed alle decorazioni “affreschi in ville della Brianza”.
Alcuni sue opere sono custodite presso l’Accademia Carrara di Bergamo, città in cui svolse il suo ultimo periodo di attività e dove morì il 24 maggio 1939.