ANGELO PAVAN

ottocento veneto, pittori chioggiotti
ottocento veneto, pittori chioggiotti

- Siete interessati alla vendita di un dipinto ad olio o un acquarello di Luigi Pastega?

- Volete un realizzo immediato senza aspettare i tempi delle vendite all’Asta?

- Avete semplicemente bisogno di una stima delle vostre opere aggiornata agli attuali valori di mercato?


Contattatemi al:


3286628916
(anche foto via whats’up)

e/o inviate una email a:

acquistodipinto@gmail.com

o utilizzate il modulo contatti del sito qui


TORNA ALL’ELENCO DEGLI ARTISTI



BIOGRAFIA

Angelo Pavan nasce a Vicenza nel 1893, ed inizia gli studi alla scuola d’arte del Castello Sforzesco di Milano, città dove esordisce all’Esposizione Permanente del 1916 e in seguito, completa la sua formazione alla Scuola di Disegno dell’Accademia Olimpica di Vicenza. Inizialmente ispirato al divisionismo alla maniera di Previati, Pavan si avvicina anche alle volumetrie sintetiche del gruppo Novecento attraverso l’influenza di Ubaldo Oppi; infine, definisce il suo stile accostandosi alla scuola veneziana di fine ’800.
La sua pittura si concentra soprattutto sul paesaggio lagunare, riprendendo i temi chioggiotti cari a Luigi Nono, i gialli intensi delle vele di Ettore Tito e l’atmosfera vespertina del Canale della Giudecca di Guglielmo Ciardi. Ben presto le sue opere sono acquisite dai musei d’arte moderna di Milano, Vicenza, Trieste e confluiscono in prestigiose collezioni private.
Nonostante l’attività espositiva lo porti a viaggiare attraverso l’Italia e l’estero, Angelo Pavan partecipa attivamente alla vita artistica vicentina: fa parte del circolo del “Manipolo” dal 1920 alla fine degli anni ’30, esponendo spesso in città e riportando ottimi consensi dalla critica e dalla stampa.
La luminosa impressione ricevuta dall’ambiente lagunare lo porta a trasferirsi a Chioggia, dove la sua mano si fa ruvida e densa nel descrivere la solidità degli intonaci, per poi distendersi sulla superficie dell’acqua in campiture limpide e serene.