DOMENICO QUATTROCIOCCHI

ottocento siciliano, lojacono, leto, catti, de maria bergler

- Siete interessati alla vendita di un dipinto ad olio o un acquarello di Domenico Quattrociocchi?

- Volete un realizzo immediato senza aspettare i tempi delle vendite all’Asta?

- Avete semplicemente bisogno di una stima delle vostre opere aggiornata agli attuali valori di mercato?


Contattatemi al:


3286628916
(anche foto via whats’up)

e/o inviate una email a:

acquistodipinto@gmail.com

o utilizzate il modulo contatti del sito qui


TORNA ALL’ELENCO DEGLI ARTISTI



BIOGRAFIA

Suocero del pittore Saro Mirabella che aveva sposato la sua figlia Emma, fu allievo di Francesco Lojacono e Salvatore Marchesi
Studiò a Palermo sotto l’insegnamento di Lojacono e nel 1900 si recò a Roma, per frequentarvi la libera Scuola di nudo. Attratto dalla grandiosità della Campagna Romana, si dedicò invece, quasi esclusivamente, alla pittura di paese. Alla Quadriennale torinese del 1908 figurano i suoi dipinti: In Montagna; Dal poggio; Cala; alla Internazionale veneziana del 1909 inviò Brezza mattutina, e a Roma, nello stesso anno, presentò: Abbeveratoio; Campagna romana e Tramonto. Alla Mostra della "Pro Patria Ars" di Palermo (1916), espose altre tele. Nel 1922 prese parte alla Biennale Veneziana con: Effetto di luce e Lontano, lontano; nel 1923 a Torino partecipò alla Quadriennale con: In montagna e Cala la sera. Si citano ancora i suoi quadri: Quiete; Le mucche; Pastorella; Il ritorno dalla festa di San Nicola. Opere di questo artista sono collocate nella Quadreria Reale, altre furono acquistate dal Ministero dell’Educazione Nazionale per la Galleria d’Arte Moderna di Roma; altre ancora dal Municipio di Palermo per la locale Galleria d’Arte Moderna. Morì il giorno18 Aprile 1941 a Roma .
Altresì sue opere sono visibili presso GAMC(Bagheria) e la Collezione del
Banco di Sicilia(PA) .