ANTONIO ROTTA

ottocento veneto, coloristi veneti

- Siete interessati alla vendita di un dipinto ad olio o un acquarello di Giuseppe Raggio?

- Volete un realizzo immediato senza aspettare i tempi delle vendite all’Asta?

- Avete semplicemente bisogno di una stima delle vostre opere aggiornata agli attuali valori di mercato?


Contattatemi al:


3286628916
(anche foto via whats’up)

e/o inviate una email a:

acquistodipinto@gmail.com

o utilizzate il modulo contatti del sito qui


TORNA ALL’ELENCO DEGLI ARTISTI


BIOGRAFIA

Antonio Rotta nasce a Gorizia il 28 febbraio 1828. Si trasferisce a Venezia dove frequenta L’ Accademia di Belle Arti seguendo i corsi tenuti da Ludovico Lipparini (1800-1856). Si specializza in un primo tempo nella pittura di scenette e figure di genere d'ambiente veneziano alcune volte venate d'umorismo, successivamente si cimenta in alcuni quadri di tema storico e sacro.
Non soddisfatto dei risultati ottenuti torna nuovamente ad occuparsi di una pittura che riprende il verismo dei suoi soggetti preferiti, in primis il tema dell'infanzia che ha saputo sempre ritrarre con estrema grazia. Questo genere di pittura inoltre alimentava un vasto mercato internazionale tramite il turismo di cui Venezia era ed è meta prediletta e obbligata, consentendogli di avere una discreta tranquillità economica. Nel 1853 partecipa all'Esposizione di Belle Arti a Milano con il dipinto storico Tiziano Vecellio istruisce nella pittura Irene di Spilimbergo. Nel 1878 vince una medaglia alla esposizione del Salone di Parigi. Nel 1891 espone a Berlino. Nel 1894 partecipa all'Esposizione artistica di Gorizia con il dipinto Stella marina.
Alcune sue opere sono esposte oggi al Museo d'Arte di Filadelfia come nei musei di Helsinki e nel Museo Revoltella di Trieste. La sua città natale custodisce molte sue opere, soprattutto ritratti, presso i Musei Provinciali di Storia ed Arte di Gorizia. Si spegne a Venezia il 10 settembre 1903.